06.70476117

News

04/07/2023 198
NEL DECRETO LAVORO C’E’ SPAZIO PER I NEET. MA SOLO TEMPORANEAMENTE.

Img

Nel decreto lavoro appena convertito in legge, per la prima volta, si riconosce concretamente il problema dei Neet, quei giovani che si trovano al di fuori dei circuiti lavorativi e formativi. Lo scenario in cui si inserisce la scelta del Governo è assai noto: in Italia sono tre milioni i giovani tra 15 e 29 anni di età che non studiano né lavorano. La nuova legge introduce un incentivo per le aziende che assumono giovani con meno di 30 anni, che non studiano né lavorano e che sono registrati al programma “Iniziativa Occupazione Giovani”. Ma si tratta di una misura temporanea valida solo per il periodo compreso tra il primo giugno e il 31 dicembre. La norma è in sé positiva perché riconosce il problema dei Neet e lo fa in modo concreto, cioè prevedendo incentivi alle assunzioni. Purtroppo non si tratta di una misura strutturale, in quanto destinata a scadere il 31 dicembre, il che rischia di ridurne l’efficacia. Servirebbe più coraggio per affrontare il problema dei Neet, e adottare un approccio multidimensionale: oltre a misure come questa, si dovrebbero prevedere programmi di istruzione e formazione ad hoc, ma rispondenti alle esigenze del mercato; bisognerebbe rafforzare gli sportelli del lavoro e incentivare le attività di orientamento e formazione dei giovani; sostenere le partnership tra settore privato e istituzioni educative, tra scuole, università e aziende; servirebbe offrire opportunità pratiche di apprendimento sul campo; puntare su una politica del self-made incoraggiando e promuovendo l’imprenditoria giovanile. Insomma, per risolvere un problema strutturale bisogna puntare su misure strutturali. Il rischio che si corre è di sprecare le energie e il talento dei giovani, soprattutto al Sud.